INFORMAZIONI SUL PERCORSO

Tappa 1

Difficoltà: impegnativa

Partenza: Ponte Tresa

40 km

Arrivo: Varese

La prima tappa italiana della Via Francisca in bicicletta è immersa in suggestivi scenari naturalistici. Si sviluppa dal lago di Lugano ai fitti boschi alle pendici delle montagne del Varesotto.
La partenza è dalla dogana di Lavena Ponte Tresa. Da lì si costeggia il lago fino al centro del paese proseguendo poi sul sedime della tramvia che collegava Ponte Tresa a Varese, ora pista ciclopedonale che sale in mezzo ai boschi passando sotto due gallerie. Successivamente si incrocia la statale 233 e da lì si arriva al parco dell’Argentera, un’interessante area verde piena di mulini, piccoli corsi d’acqua e alberi maestosi.
Da Cadegliano si prosegue poi per Marchirolo e Cugliate Fabiasco, fino a Ghirla, con la sua oasi naturale che fa da cornice ad un laghetto. Superato un antico maglio si prende la pista ciclabile che arriva alla Badia di San Gemolo in Valganna, gioiello della provincia di Varese.

Si prosegue quindi sulla strada provinciale fino a Rasa di Varese, superata la quale si svolta a destra in via Salve Regina per salire a Santa Maria del Monte. Dopo la visita si scende verso il capoluogo sempre su strada provinciale (attenzione al traffico).

La prima tappa italiana della Via Francisca in bicicletta è immersa in suggestivi scenari naturalistici. Si sviluppa dal lago di Lugano ai fitti boschi alle pendici delle montagne del Varesotto.
La partenza è dalla dogana di Lavena Ponte Tresa. Da lì si costeggia il lago fino al centro del paese proseguendo poi sul sedime della tramvia che collegava Ponte Tresa a Varese, ora pista ciclopedonale che sale in mezzo ai boschi passando sotto due gallerie. Successivamente si incrocia la statale 233 e da lì si arriva al parco dell’Argentera, un’interessante area verde piena di mulini, piccoli corsi d’acqua e alberi maestosi.
Da Cadegliano si prosegue poi per Marchirolo e Cugliate Fabiasco, fino a Ghirla, con la sua oasi naturale che fa da cornice ad un laghetto. Superato un antico maglio si prende la pista ciclabile che arriva alla Badia di San Gemolo in Valganna, gioiello della provincia di Varese.

Si prosegue quindi sulla strada provinciale fino a Rasa di Varese, superata la quale si svolta a destra in via Salve Regina per salire a Santa Maria del Monte. Dopo la visita si scende verso il capoluogo sempre su strada provinciale (attenzione al traffico).

Luoghi da visitare

Accoglienze