INFORMAZIONI SUL PERCORSO

Tappa 2

Difficoltà: impegnativa

Partenza: Ganna

25,5 km

Arrivo: Varese

Come arrivare:

In Italia con CTPI (Consorzio trasporti pubblici Insubria)

La seconda tappa della Via Francisca in bicicletta parte dal centro di Varese, si attraversa la città fino a Capolago e si prosegue per Gazzada e, successivamente, Morazzone.

Si prosegue in leggera discesa fino a Castiglione Olona. Nell’epoca moderna sono fiorite industrie che hanno radicalmente modificato l’economica locale. Come Mazzucchelli, dove nascono gli occhiali a metà ‘800. L’intera zona è ricca di archeologia industriale ed è affascinante il contrasto delle industrie con la natura circostante.

Si prosegue per un tratto (18 km) sulla pista ciclopedonale della Valle Olona che passa per il parco RTO e si sviluppa sul vecchio tracciato ferroviario che da Castiglione Olona segue il fiume fino a Castellanza.
Si arriva presto al Monastero di Torba, un bene Unesco immerso nei boschi e gestito dal Fai (Fondo Ambiente Italiano) e simbolo della provincia di Varese. Sorge alla base del parco archeologico di Castelseprio, nato come avamposto militare nel tardo impero romano e diventato luogo di preghiera e lavoro delle monache benedettine poi. Castelseprio fa anch’esso parte dei beni UNESCO. Comprende una zona fortificata ed un borgo murato.

La seconda tappa della Via Francisca in bicicletta parte dal centro di Varese, si attraversa la città fino a Capolago e si prosegue per Gazzada e, successivamente, Morazzone.

Si prosegue in leggera discesa fino a Castiglione Olona. Nell’epoca moderna sono fiorite industrie che hanno radicalmente modificato l’economica locale. Come Mazzucchelli, dove nascono gli occhiali a metà ‘800. L’intera zona è ricca di archeologia industriale ed è affascinante il contrasto delle industrie con la natura circostante.

Si prosegue per un tratto (18 km) sulla pista ciclopedonale della Valle Olona che passa per il parco RTO e si sviluppa sul vecchio tracciato ferroviario che da Castiglione Olona segue il fiume fino a Castellanza.
Si arriva presto al Monastero di Torba, un bene Unesco immerso nei boschi e gestito dal Fai (Fondo Ambiente Italiano) e simbolo della provincia di Varese. Sorge alla base del parco archeologico di Castelseprio, nato come avamposto militare nel tardo impero romano e diventato luogo di preghiera e lavoro delle monache benedettine poi. Castelseprio fa anch’esso parte dei beni UNESCO. Comprende una zona fortificata ed un borgo murato.

Luoghi da visitare

Accoglienze

Accoglienza